Notizie

Salute: Da Re, fibromialgia: mancano misure per riconoscimento, ricerca, diagnosi, terapie. EU si attivi

Da 14 Ottobre 2020No Comments
Gianantonio Da Re

“In molti stati membri dell’UE la fibromialgia, malattia sistemica di natura neuro-infiammatoria che interessa diversi tessuti del corpo e classificata tra i “disturbi del sistema muscoloscheletrico e connettivo”, non è riconosciuta come malattia tutelata dalla Legge. Questa malattia, infatti, è spesso misconosciuta e sottostimata seppure siano 14 milioni le persone a soffrirne in tutta Europa (si stima che colpisca 1 adulto su 5). In questi ultimi anni si è registrato un significativo incremento epidemiologico della malattia che si configura come una vera e propria emergenza algologica. Di fronte a questo scenario ho sollecitato la Commissione europea affinché promuova la multidisciplinarietà di questa malattia tra la comunità scientifica e i centri di ricerca specializzati per migliorare la presa in carico del paziente nell’UE. Ho chiesto, anche, quali azioni l’Europa intenda attivare per la fibromialgia e il dolore cronico: promuovere quindi il riconoscimento ufficiale in tutti gli Stati membri dell’UE. Infine, è doveroso che ci spieghi quali azioni pensa di intraprendere per la tutela sociale-lavorativa e la codificazione medico legale dei pazienti con dolore cronico. L’obiettivo della mia interrogazione è, infatti, che l’Europa metta in atto al più presto misure che promuovano il riconoscimento, la ricerca, la diagnosi e le terapie della fibromialgia e sindromi correlate nell’ambito del dolore cronico”.

Lo dichiara in una nota l’eurodeputato della Lega Gianantonio Da Re.